Home Articoli Collaboriamo per uno studio migliore!

Collaboriamo per uno studio migliore!

5
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Collaboriamo per uno studio migliore!, 5.0 out of 5 based on 288 ratings

In questo periodo sono proprio in vena di grandi idee. Non so nemmeno io da dove le sto tirando fuori! Così anche per il bene degli studenti di pianoforte, mi è venuta un’ idea collaborativa sensazionale!

Un percorso di studio basato sui brani musicali classici anzichè sugli esercizi!

Ma non solo! Se qualche studente avesse bisogno di migliorarsi su un determinato argomento, per esempio il trillo con la mano sinistra, troverà anche brani che aiutano a migliorare il trillo con la mano sinistra! Il che è davvero utilissimo!

Tutto ciò è ancora in fase di sviluppo e puoi contribuire anche tu a fornire informazioni su dei brani indicando:

  • Il nome del brano
  • La tecnica precisa (o le tecniche) che il brano sviluppa
  • Livello del brano (a che anno si esegue e che difficoltà ha da 1 a 10).
  • In che libro è presente il seguente brano
  • L’ eventuale link per il download

fornendo queste informazioni sarà tutto più chiaro e quando avremo una vasta raccolta, ci penserò personalmente a raggruppare tutto per livello di difficoltà e per categorie. Risulterà qualcosa di davvero unico ed essenziale! Una risorsa inestimabile che solo pianosolo e i suoi utenti sono stati in grado di creare e che conserveranno con parsimonia.

Per poter partecipare ed inserire i brani didattici, ti devi recare al forum di pianosolo, e se non sei ancora registrato fallo. Infine vai alla sezione “materiale didattico” e contribuisci dando una risposta.

Spero che collaboriate in molti perchè ritengo che questo sia un progetto molto importante.

L’ importanza del progetto

Il progetto in questione ha un’ importanza assoluta. Oltre che ad essere d’aiuto a migliaia di studenti è anche una risorsa preziosa che solo pianosolo possiederà.

Creare un lista di pezzi e non esercizi, in grado di sviluppare una determinata tecnica pianistica, è fondamentale! In questo modo si avrà un doppio vantaggio! Lo studente che vuole migliorarsi imparerà un brano nuovo e nel frattempo si eserciterà anche in ciò di cui aveva bisogno!

Bisogna sempre ricordarsi che è importante il metodo di studio. Un’ ora fatta con metodo può essere più efficace di 3 fatte a casaccio. Inoltre il tempo è denaro, non possiamo sprecarlo facendo troppi esercizi di agilità generici. Noi dobbiamo sviluppare l’ abilità in cui siamo carenti, non ci interessa continuare a fare l’ Hanon se abbiamo problemi nel suonare i  “gruppetti”, l’ Hanon non ci risolverà questo problema! Questo problema probabilmente ce lo risolverà l’ adagio della sonata n.11 di Beethoven!

Ecco perchè è così importante avere questa lista,

Partecipate in molti!

Pianosolo consiglia

5 COMMENTI

  1. Bella idea. collaboriamo nel forum e vediamo se per almeno il primo anno di studi troviamo qualcosa di interessante!
    I poemetti di Cagnacci si devono mettere per forza! ahah 😀

  2. l'idea di partenza, l'abbpzzp dell'idea, era sua poi io lo sviluppata. quindi diciamo che il merito più grande è il suo perchè ha abbozzato l'idea
    per pasquale messali, iscriviti al forum e pubblicalo tu stesso. è molto utile essere iscritti

  3. Caro Christian, questa mi sembra una iniziativa davvero interessante. La condivo molto.
    Per collaborare propongo, come brano a scopo didattico, il Minuetto in G Major di Anna Magdalena Bach, in 3/4, quello che inizia con il Re, semiminima, e Sol, La, Si Do, crome, mentre la mano sinistra inizia con l’accordo di Sol, minima, e La, semiminima.
    Credo si studi tra il 1° e il 2° anno di pianoforte, ma non so indicare il grado di difficoltà. (Potrebbe farlo Christian?).
    Se studiato correttamente, questo brano, oltre ai mordenti, insegna l’indipendenza delle mani, che si staccano dai tasti al termine delle legature di portamento e sulle note con il puntino, ma in modo differenziato tra destra e sinistra (spesso la mano sinistra si stacca mentre la destra no, e viceversa. Il che, per un principiante come me, è stato abbastanza impegnativo.)

LASCIA UN COMMENTO