Home Intermedio “Besame mucho” – spartito per pianoforte

“Besame mucho” – spartito per pianoforte

1
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
“Besame mucho” – spartito per pianoforte, 5.0 out of 5 based on 302 ratings

CoupleKiss“Baciami, più volte, come se questa notte fosse l’ultima volta”

…non è un caso che la celebre canzone “Besame mucho” nasca dal desiderio di un bacio.
Tutto questo non a caso:  l’autrice Consuelo Velazquèz, infatti, nata il 29 agosto del 1916 nello stato messicano del Jalisco, dichiarò appunto di aver composto la canzone all’età di 25 anni, quando non aveva ancora ricevuto un primo bacio!
Certo, questo dà l’aria di essere tutto fuorché un bacio dolce e fuggevole: la canzone venne registrata nel 1941 e fin da subito iniziò ad essere la colonna sonora d’amore per eccellenza, prima di tutto come tema musicale di molte coppie separate dalla Seconda Guerra Mondiale. Il bacio in questo caso visto come sigillo di una relazione difficoltosa, ostacolata dalla distanza o dalle circostanze del periodo cui si appartiene…

Parlando di baci…

Vi siete mai chiesti se anche il bacio ha una sua storia?
Spulciando qua e là ho trovato qualcosa che potrebbe soddisfare qualche piccola curiosità a riguardo. Il bacio, quello amoroso, dicono che risalga già dall’antica preistoria; i latini invece suddividevano il bacio in tre categorie ben distinte: “Osculum” è il bacio del rispetto, “Savia” sono i baci della libidine e degli amori e “Basia” quelli dell’affetto.
Isidoro da Siviglia ci spiega come l’osculum sia da attribuire come bacio dato ai figli, il basium alle mogli e il savium alle prostitute (dunque rispettivamente bacio di carattere familiare e affettivo, amoroso e infine puramente in contesto erotico).

Erodoto ci racconta come già tra i Persiani i baci fossero un gesto isituzionalizzato, anche se baciare sulla bocca era considerato gesto fra pari mentre baciare sulla guancia indicava lieve differenza sociale.

Doisneau---bacio-hotel-de-v“Donami mille baci, poi altri cento, poi altri mille, poi ancora altri cento, poi di seguito mille, poi di nuovo altri cento. Quando poi ne avremo dati migliaia, confonderemo le somme, per non sapere, e perché nessun malvagio ci invidi, sapendo che esiste un dono cosí grande di baci.”

Lasciandovi con questa citazione di Catullo, vi posto qui sotto il link a cui acquistare lo spartito e il video del brano!
Buon lavoro!

Pianosolo consiglia

1 commento

LASCIA UN COMMENTO