Home Speciali Altro speciali Accessori per il pianoforte digitale

Accessori per il pianoforte digitale

0
GD Star Rating
loading...
CONDIVIDI
Accessori per il pianoforte digitale, 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Accessori per il pianoforte digitale. Alcune idee regalo per tutte le tasche

01

Con il Natale alle porte cresce nel musicista la voglia di farsi (o ricevere) uno o più regali dedicati alla propria passione: in tempi di crisi come questi, non sempre si ha un sostanzioso budget per cambiare il proprio strumento, quindi si punta a corredarlo di una serie di accessori dedicati per incrementarne le prestazioni, oppure con alcuni supporti utili all’esecutore. In questo piccolo speciale vi fornisco una serie di idee regalo legate al mondo del pianoforte digitale e racchiuse in varie fasce di prezzo: cominciamo a scegliere?

Da 0 a 20 euro

In questa fascia di prezzo potete già trovare alcune piccole idee regalo per il musicista moderno, come quei supporti per fissare su un’asta microfonica tablet e smartphone accanto allo strumento; oltre all’impiego di uno spartito in formato digitale, diversi produttori offrono una serie di applicazioni software per gestire lo strumento in remoto, e certi piccoli pensieri si potrebbero rivelare davvero graditi. L’unica accortezza scegliendo questi tipo di supporti è di verificarne la piena compatibilità con il dispositivo portatile da fissare. Alcuni modelli da considerare sono i supporti della serie iKlip di IK Multimedia, il Tabstand-100 universale di Soundsation, oppure la serie Multimedia di König & Meyer.

02

Dai 20 ai 50 euro

Bastano poche decine di euro per arricchire un pianoforte digitale portatile economico di preziosi tasselli utili a incrementarne l’espressività, tra cui un pedale sustain tipo pianoforte: i prezzi per le varianti provviste di semplice interruttore switch partono dai 20 euro a salire, e se avete dubbi riguardo alla compatibilità, scegliete quei modelli dotati di un piccolo switch sulla base del pedale per selezionarne la corretta polarità. Il Quiklok PS125 o il Proel GF01 sono due esempi di pedali sustain con selettore della polarità. Un leggio in metallo con un robusto pannello dove poggiare dei corposi volumi di spartiti può sostituire il fragile accessorio in materiale plastico trovato a corredo del vostro pianoforte: i prezzi partono dai 30 euro circa a salire, e se vi dividete tra casa e palco vi suggerisco di puntare su quelle versioni compatte dotate di una comoda borsa per il trasporto. Il Soundsation SPMS-300, il Bespeco MS3P o il modello proposto nel catalogo di König & Meyer sono solo esempi che vi suggerisco di considerare. Uno stand regolabile in altezza, ma dotato di una solida base di appoggio in metallo va seriamente considerato, soprattutto in quei casi dove lo strumento è poggiato su un più delicato stand a “X” a braccio singolo: oltre a prevenire pericolosi scostamenti laterali, il piano di appoggio di questi stand può fungere da ulteriore rinforzo strutturale per la meccanica dei pianoforti digitali dotati di chassis in materiale plastico. I prezzi per uno stand di questo tipo partono dai 35 euro circa per il modello prodotto da Gewa, e qualche euro in più per quello realizzato da Quiklok.

 

04Dai 50 ai 100 euro

Rimanendo su pianoforti digitali portatili economici, investendo cifre a partire dai 50 euro potete corredare lo strumento dello stand dedicato, in genere fornito tra gli accessori opzionali: sulla serie Privia di Casio, per esempio, allo stand è abbinabile anche la barra contenente al suo interno la pedaliera, con un pedale sustain dotato di supporto del mezzo pedale; un piccolo investimento per sfruttare l’intero potenziale espressivo dello strumento. Anche Yamaha ha nel suo catalogo una serie di stand dedicati ai propri modelli portatili della serie P e CP. Su pianoforti digitali di fascia semiprofessionale il03 pedale sustain a controllo continuo compare sempre più tra gli accessori a corredo, ma nei casi in cui si riveli un optional, sappiate che è un regalo natalizio che richiede un esborso a partire dai 50 euro. Marchi quali Yamaha, Roland, Kawai e altri hanno in catalogo pedali sustain dedicati per i propri strumenti. Una comoda e robusta panchetta può essere un’altra idea regalo, e in alternativa alle canoniche varianti classiche il mercato propone anche modelli dalle forme moderne da abbinare a pianoforti di design o dedicati al palco; nello specifico, l’importante è che questo accessorio sia sempre regolabile in altezza con semplicità, mentre leggerezza e facilità nel trasporto sono i requisiti richiesti dal musicista da palco. Il prezzo di una panchetta può superare il range indicato in questo capitolo, ma entro i 100 euro ci sono ottimi modelli sul mercato che soddisfano i requisiti descritti in precedenza: il modello Quiklok BX-9 è un esempio tra i più economici dal design moderno, mentre la panchetta Proel PB85SSBBK tra quelle classiche.

05

Dai 100 ai 300 euro

Se avete un budget piuttosto sostanzioso a disposizione, il mio suggerimento è di concentrarsi sugli ascolti, magari puntando in primis su un bel paio di cuffie, perché vi consentono di suonare a qualsiasi ora senza disturbare chi vi circonda. I pianoforti digitali più recenti e sofisticati includono anche funzioni mirate per un ascolto raffinato con cuffie di qualità, quindi vi suggerisco di puntare sempre su modelli professionali dedicati ai musicisti, magari con un padiglione da 40 mm di diametro, per un ascolto dotato del giusto grado di corposità in gamma bassa. Il prezzo di partenza di un buon paio di cuffie di qualità è intorno ai 100 euro, e, siccome può rivelarsi 06un investimento particolarmente longevo, vi suggerisco di compiere una serie di prove di ascolto: recatevi dal vostro rivenditore di fiducia e provate sempre le varie cuffie che avete adocchiato, possibilmente collegando il vostro strumento; viceversa, potete compiere delle prove di ascolto anche con un compatto player audio e alcuni brani registrati con il vostro pianoforte. Tra i modelli da provare, vi suggerisco le classiche AKG240 Studio, le HD 558 di Sennheiser o le Audio Technica ATH-M70X, ma se avete un piccolo budget provate anche le Soundsation HD50: potrebbero sorprendervi… L’utente insoddisfatto dalla resa della diffusione sonora interna di un pianoforte digitale portatile, potrebbe spingersi oltre investendo su una bella coppia di monitor da studio. Puntate su diffusori amplificati (o attivi) dotati di un woofer da almeno cinque pollici di diametro: nello specifico, i prezzi partono dai 170 euro la coppia per alcuni modelli economici e dal buon carattere sonoro, realizzati da marchi quali
Samson o Alesis, fino a toccare i 300 euro circa per coppie di monitor da studio di marchi quali KRK, JBL, Presonus o RCF. Una buona coppia di monitor è un investimento importante, quindi valgono gli stessi suggerimenti in sede di prova descritti per le cuffie; se scelti con oculatezza, dei buoni monitor vi faranno compagnia per molto tempo. In conclusione, su cuffie e monitor fidatevi sempre delle vostre orecchie, perché non vi tradiranno mai. Buona scelta!

 

07

 

Pianosolo consiglia

CONDIVIDI
Articolo precedenteK.Jarrett, Barber, Bartók, Jarrett (2015 ECM)
Articolo successivoAugura Buon Natale con Pianosolo.it
Grande appassionato di MIDI e programmazione suoni, in età adulta si scopre anche un entusiasta Video Maker: per 10 anni ha collaborato con la storica rivista Strumenti Musicali, realizzando video e redigendo test e articoli dedicati al pianoforte digitale e le tastiere; ha collaborato inoltre con i mensili Backstage e Computer Music Studio, redigendo articoli dedicati al mondo del recording e la musica dal vivo. Dal 2012 infine ha collaborato anche con il sito internet SuonieStrumenti, redigendo news, curando l’area video e le pagine di questa testata online su vari Social Network.

LASCIA UN COMMENTO