Imparare il Pianoforte da Autodidatta

report-gratuito
  • 2 maggio, 2011
  • 6
  • VN:F [1.9.22_1171]

Oggi vi voglio presentare questo piccolo report gratuito che potrai scaricare qui di seguito, che riguarda il suonare il pianoforte da autodidatta. Molti neofiti sono convinti di riuscire ad ottenere buoni risultati anche imparando da soli, senza alcuna guida, senza un insegnante, senza seguire un determinato percorso.

In questa guida ho cercato di dare delle dritte e dei consigli a questi nuovi allievi pianisti, in modo tale da evitare che questi non perdano tempo e riescano ad ottenere i risultati nel modo più rapido possibile. Sono 6 pagine di report che potrai stampare e leggere comodamente prima di andare a letto. Spero che ti siano d’aiuto in qualche modo perché perdere del tempo all’inizio del percorso è doppiamente mortificante: non si ottengono risultati e si procede in maniera molto lenta. Se invece riusciamo a far sì che questo primo periodo di “studio senza risultati” si riduca ai primi mesi, avremo poi gran parte della strada in discesa.

Spero che ti piaccia, qui il download:

 

Imparare il Pianoforte da Autodidatta, 5.0 out of 5 based on 271 ratings

Articoli che potrebbero interessarti:

6 Commenti per “Imparare il Pianoforte da Autodidatta”

  1. Ciao Christian, sono del tutto d'accordo con quanto hai scritto.
    Nel mio caso sono costretto a fare l'autodidatta, e non senza pena, perché mi rendo conto perfettamente della necessità di un maestro (dal momento che non devo fare il conservatorio, ma soltanto il dilettante, mi basterebbe uno studente del conservatorio tra il quinto e l'ottavo anno, anche solo per farmi controllare ogni tanto: questo è il consiglio che mi ha dato un pianista di grande esperienza).
    Il problema è che non ho la possibilità economica, e a mia volta devo dare lezioni di altro genere, per "vocazione" e per necessità, sperando sempre che qualche allievo venga.
    Con vera simpatia, Fabio.

    • Certo Immagino! Purtroppo le lezioni di pianoforte costano ma..come dici tu, non penso che uno studente possa chiedere tanto. In ogni modo spero che con le lezioni che dai riesci a ripagarti le lezioni che prendi :)

      Un salutone Fabio!

  2. Hai molta ragione, ma posso dire che “imparare a suonare il pianoforte da autodidatta” non sembra il titolo migliore per un report il cui scopo principale è incoraggiare gli aspiranti musicisti ad rivolgersi a un esperto piuttosto che a procedere da soli? Trovo la scelta del titolo fuorviante nonché irritante.

    • Paola Parri

      In realtà non si intitola “E’ meglio imparare il pianoforte da autodidatta”, o “Come imparare il pianoforte da autodidatta”. In quel caso ti avrei dato ragione. Ma qui non è implicito un giudizio qualitativo nel titolo proposto e nemmeno un indirizzo metodologico.
      Se hai scaricato il report, all’interno c’è un link da cui reperire degli esercizi creati da Christian per chi decide di intraprendere lo studio da autodidatta.
      Il testo è solo una premessa teorica, e a mio parere doverosa, in cui Christian avvisa delle difficoltà che si incontrano quando si decide di studiare da soli senza il sostegno di un insegnante.

  3. Ciao Christian, secondo te é mai possibile che dopo 8 anni di pianoforte (solo classica) a distanza di 20 anni non riesco più a seguire le note in uno spartito, avere elasticità alle dita, non ricordarmi i rivolti degli accordi ed alcune valori delle note. (teori/ solfeggio)?
    Secondo te quanto tempo dovrei dedicare al giorno seguendo il tuo sito per riprendere al meglio quello che faticosamente ho imparato anni fà? Grazie mille per il tuo tempo che ci dedichi. Antonio

  4. avatar

    Caro Christian. Ho sempre ritenuto molto interessanti ituoi consigli.Pertanto , quando l’ultima volta che mi sono trovato sul tuo sito; ti ho sentito parlare di un libro di nome ” tecnica pianistica essenziale “. Cosa che mi sono preocupato di comprare , e che adesso ce l’ho sul mio pianoforte. Il problema che incontr; è che impiego più tempo a capire quello che vuol dire , che a fare gli esercizi. Infatti, sono adesso arrivato alla ” Fase analitica cognitiva ” e non riesco ad andare avanti. Se per caso questo libro ce l’hai anche tu: potrò chiederti qualche delucidazione? Grazie Angelo Sepe

E tu cosa ne pensi? Lasciaci il tuo commento

Loading Facebook Comments ...